HOME PAGE NEWS LETTER FORUM CONTATTACI INFORMAZIONI LINK UTILI

RUOTE SICURE
  • Galleria Immagini
  • Il progetto
  • La didattica
  • Figure professionali
  • Istituti scolastici
  • Giornalino on-line
  • Area Riservata
  • MANIFESTAZIONE
  • Concorso a premi
  • CORSI EDUCATORI STRADALI
  • Corsi di formazione
  • INIZIATIVE
  • Crescere in Sicurezza
  • Progetto di vita
  • Proposte Regione
  • Manuale Sicurezza Stradale
  • La sicurezza non è un limite
  • NOTIZIE UTILI
  • Approfondimenti
  • 10 regole d'oro
  • Il casco
  • Il ciclomotore
  • Vivere la strada
  • News
  • Dodici buoni consigli per una guida sicura
  • Modifica nuovo codice della strada
  • www.lautoscuola.it
  •  

    Aggiungi questo sito ai tuoi preferiti

    Powered by


    P.IVA 13373850158
    APPROFONDIMENTI


    Articolo del Dott. Ermanno Boselli, psicologo, specializzato in sicurezza viaria, direttore in materia del Progetto Ruote Sicure.

    I PROCESSI COGNITIVI NELLA GUIDA

    A cura del dott. Ermanno Boselli

    L'attenzione.
        Già alcuni autori, in particolare Donal A. Norman, hanno paragonato l'organismo umano ad un elaboratore d'informazioni che funziona come un articolato e complesso sistema, che organizza i dati provenienti dall'universo esterno selezionandone alcuni e scartandone altri; inoltre riconosce i dati, li modifica per poi conservarli in memoria per periodi più o meno lunghi; li richiama dalla memoria, li confronta con quelli attuali per una operazione di riconoscimento al fine di un ulteriore processo decisionale.
        L'attenzione occupa un posto fondamentale nella nostra vita di relazione e non solo.
        Già nel 400 a.C. si legge questa affermazione: " Questa è la prima cosa: se tu presti attenzione, la ragione percepisce meglio le cose che passano attraverso essa".( D. A. Norman, Memoria e attenzione pag. 15).
        L'attenzione riveste un importanza fondamentale. L'attenzione riduce volontariamente le informazioni che ci giungono, privilegiandone alcune e scartandone altre; un esempio è quando parliamo da un telefono pubblico posizionato lungo una strada affollata; selezioniamo e diamo importanza alla voce dell'interlocutore e non prestiamo ascolto ai vari rumori circostanti.
        Tutti gli stimoli acustici ci giungono, ma noi prestiamo attenzione a quelli che ci interessano maggiormente.
        Con questo non distogliamo l'attenzione dall'universo circostante; tanto è vero che se qualche stimolo si presenta, come ad esempio la voce di una persona amica, focalizziamo la nostra attenzione verso la fonte dello stimolo.
        Un autore, E. Cherry spiega questa capacità selettiva nel noto "fenomeno del cocktail party". Ovvero, quando trovandoci in occasione di una festa, dove ci sono diversi gruppi che discorrono di più argomenti contemporaneamente e noi apparteniamo ad un gruppo, improvvisamente la nostra attenzione può essere indirizzata verso un gruppo, anche distante, in quanto un particolare argomento/stimolo si impone alla nostra attenzione.

        Ciclo delle informazioni e dei processi cognitivi utilizzati nella guida dei veicoli.

        Si può schematizzare il flusso dei processi cognitivi utilizzati con un diagramma di flusso:

        Percezione degli stimoli

        Riconoscimento degli Stimoli

        Elaborazione della risposta ed Attività decisionale

        Attuazione di azione motoria

        Altri processi cognitivi di minore importanza sono utilizzati nella guida:

        Attività rappresentativa

        Attività previsionale

        L'interferenza o la difficoltà di funzionamento delle ultime due attività cognitive non sono causa di incidenti; si può giungere in ritardo ad un appuntamento o si percorre il tragitto impiegando molto tempo

        Invece l'interferenza negli altri processi cognitivi, anche in uno solo, può provocare, se le condizioni esterne sono favorevoli, un incidente.

    Limiti di velocità e tempi di reazione.
        Il tempo intercorso tra la percezione dello stimolo e la produzione di azione motoria alla guida di un autoveicolo viene stimato mediamente in 1000 mille secondi; comunemente questo tempo viene definito "Tempo di reazione".

        Si tratta del tempo fisiologico che la "macchina-uomo" impiega per produrre una risposta dopo avere percepito ad esempio un pericolo; si tratta tuttavia di un tempo medio.

        Negli adolescenti questo tempo è molto inferiore alla media; ciò è stato constatato sottoponendo adolescenti ai Test per la misurazione della reazioni Visiva ed Acustica.

        Appare evidente che per parlare di sicurezza stradale non potendo diminuire il tempo fisiologico si cerchi di limitare la velocità del mobile; ecco perchè nel Codice della Strada sono apparsi i limiti velocità, anche in riferimento alle varie tipologie della sede stradale.

        Facendo semplici calcoli matematici, se un mobile viaggia a 60 Kmh il guidatore , percepito un qualsiasi pericolo, percorrere circa 17 metri prima di iniziare a frenare; se viaggia a 100 Kmh ne percorrere invece ancora 28 prima di premere il pedale del freno.

        Prudentemente si consiglia, quando si guida, di tenere tra la nostra macchina e quella che ci precede, uno spazio di sicurezza calcolato almeno pari allo spazio che si percorre in un secondo; questa spazio viene anche definito come distanza di sicurezza.

        Analizzando le cifre che i vari Enti forniscono, si osserva che gli incidenti sono causati per la maggior parte, alcuni le stimano maggiori del 90%, dal comportamento del conducente; e che gli incidenti si verificano con maggiore frequenza sulle strade urbane.

        Probabilmente la velocità non è la sola causa principale degli incidenti.

        Una causa possibile può essere il disturbo della attenzione causata da molteplice fattori .

        Passiamo in rassegna i principali processi cognitivi utilizzati durante la guida.

    Percezione degli stimoli.
      
    Per percezione degli stimolo si intende la capacità del soggetto di percepire uno stimolo, emesso da una sorgente stimolatrice, con l'organo di senso appropriato; il tempo misurato tra la presentazione dello stimolo ,ad esempio l'accensione di una lampadina ed il tempo in cui il soggetto da la sua risposta si denomina "tempo di reazione".

        Gli esperimenti di laboratorio si basano sulla presentazione al soggetto di stimoli semplici, ad esempio: la produzione di un suono o l'accensione di una lampadina, il soggetto deve rispondere con semplici atti motori, ad esempio premere un pulsante.

        Durante la guida utilizziamo prevalentemente due modalità sensoriali: la vista e l'udito; quindi è indispensabile che non ci siano delle gravi alterazioni in questi organi di senso; che si percepiscano correttamente gli stimoli.

        Questo è di fondamentale importanza perchè la percezione è la prima modalità di interazione con l'ambiente circostante.

        La vista indubbiamente è la modalità più importante in quanto non vedendo non è nemmeno possibile condurre un veicolo, con ragionevole sicurezza; anzi per le patenti professionali la Legge è severa: richiede che i soggetti abbiano dei tempi non inferiori ad una certa posizione nella scala decilica di classificazione.

        Eppure si nota che le persone con problemi di vista e di udito hanno dei comportamenti più prudenziali, e sono coinvolti meno negli incidenti; in pratica utilizzano un comportamento prudente essendo coscienti dei loro limiti sensoriali.

    Riconoscimento degli stimoli.
        Questa è una attività cognitiva complessa con la quale accostiamo lo stimolo presentato dai sensi e lo paragoniamo con uno analogo che possediamo nella memoria.
        Indubbiamente si avranno comportamenti diversi. Riconoscere un segnale di pericolo, di divieto di sosta suscita delle emozioni diverse che non riconoscere un segnale di località meta del viaggio.
        All'interno della vettura e diversa l'informazione del termometro dell'olio da quella dell'orologio

        Si deduce che occorre una attenzione selettiva che permetta di discriminare ciò che è importante da ciò che è accessorio, ma anche una "competenza testuale" cioè una capacità di decodificare i messaggi (stimoli) in base all'esperienza culturale attraverso l'attivazione della memoria a Lungo Termine. La capacità di utilizzare la attenzione selettiva permette di avere presente nel campo percettivo solo ciò che utile e necessario riducendo le informazioni da elaborare.

    Elaborazione della risposta e conseguente decisione.
        Queste capacità cognitive sono fondamentali per la guida; non solo per questa attività ma per molte altre; in pratica si tratta di scegliere ed attuare tra le possibili risposte alla situazione presente quella che può essere la migliore in tutti i sensi;
    anche in questo caso entra in gioco la competenza testuale, in quanto occorre produrre una risposta in base ad un codice linguistico.

        Quando la situazione è del tipo dicotomica la risposta è più facile; occorre scegliere solo tra due variabili, e probabilmente una è l'opposta dell'altra; una sarà congruente l'altra sarà assurda; il lavoro di decisione sarà leggero e si deciderà in tempi molto brevi.

        Un esempio: arrivo con la macchina ed il semaforo è diventato rosso. Posso attivare due risposte: mi fermo o passo con il rosso.

        Tra le due risposte quelle di fermarmi è la più semplice e quella che posso prendere in tempi brevi.

        Quella di passare con il semaforo rosso è la più azzardata e presenta non molte incognite; anzi, ho bisogno di informazioni supplementari per decidere quali: c'è il vigile, la polizia, c'è qualche persona che possa vedermi, vengono macchine, se vengono posso farcela senza provocare incidenti ecc...

        Quindi la decisione di passare con il rosso è più sofferta, presenta più pericoli ed impiego più tempo a prenderla.

        Non è così quando la decisione è tra diversi fattori, tutti apparentemente della stessa valenza; ogni fattore rappresenta una scelta possibile e la scelta non è dicotomica, non c'è contrapposizione. La scelta risulta molto più complessa ed il tempo impiegato per la decisione può risultare maggiore.
        Un esempio di scelta multipla e quando arrivo vicino all'incrocio ed il semaforo è diventato giallo: sono possibili due soluzioni accelero e passo oppure mi fermo. tutte le due scelte apparentemente hanno la stessa importanza ma prima di prendere quella migliore devo prontamente valutare alcune cose: se mi fermo il conducente del veicolo che mi segue far... la stessa mia operazione, oppure vedendo il semaforo verde decidere data la sua velocità, di passare lo stesso? Riuscirò a fermarmi nello spazio utile, senza fare eccessivo baccano tale di attirare su di me l'attenzione del vigile?

        Se decido di passare devo valutare la possibilità di essere multato per essere passato con il giallo: quindi la scelta non è facile eppure in brevissimo tempo una scelta devo farla.
    Questi sono due esempi di situazioni banali, abbastanza comuni e ripetitive.

    Elaborazione della azione motoria.
      
    Una volta che si è deciso una modalità di risposta, occorre che l'attività motoria necessaria per l'esecuzione sia attivata.
        Se decido di fermarmi occorre che svolgo tutte quelle operazioni per il raggiungimento dello scopo.

        Nelle situazioni ricorrenti, quale di fermarmi quando il semaforo è rosso le operazioni motorie vengono eseguite automaticamente; non penso: devo togliere il piede destro dall'acceleratore, portarlo sul pedale del freno, graduare la frenata valutando lo spazio disponibile, devo mettere il piede sulla frizione appena sto per fermarmi per non bloccare il motore. Tutte queste operazioni le svolgo automaticamente magari pensando ad altro.
        Sono i cosiddetti automatismi; sono dei meccanismi che con la ripetizione di gesti consueti, con l'apprendimento e con il tempo ho introiettato ed utilizzo quotidianamente e non me ne rendo conto.
        Solo in alcune situazione limite posso staccare i meccanismi automatici e recuperare una guida manuale. Ma sono casi rari.

    L'attività rappresentativa.
        Quando vogliamo andare da qualche parte, da casa al lavoro, ci rappresentiamo mentalmente il percorso.
        Pensiamo quale sia il percorso più semplice per giungere alla meta e quello che presenta meno ostacoli.
    Poi una volta in viaggio seguiamo mentalmente il tragitto. Non prestiamo attenzione alle vie o ai segnali, sono conosciuti e non ci preoccupiamo eccessivamente.

        Se all'improvviso il percorso deve essere cambiato come per esempio, una via interrotta dalla presenza di uno scavo, ci rappresentiamo mentalmente quale potrebbe essere il nuovo percorso dal punto in cui ci troviamo.

        Alcune volte l'attività rappresentativa ci provoca delle emozioni, che emergono dal ricordo di ad una località densa di significato per noi oppure per la pericolosità che il tragitto inevitabilmente ci rappresenta

    L'attività previsionale.
        Si tratta della possibilità di fare delle previsioni, partendo da dei dati di rappresentazione. Prevediamo il tempo che impiegheremo a percorrere una certa strada, e la difficoltà che potremo incontrare nel percorso.

    Interferenze nei processi sopra descritti.
      
    L'interferenza anche in uno solo dei processi sopra descritti può essere causa d'incidenti.
        La mancata percezione di uno stimolo, per esempio un semaforo, può essere causa d'incidente se il semaforo è rosso e altri veicoli stanno passando ed io impegno l'incrocio.

        Può essere causata dalla scarsa acquisizione visiva la mancata percezione del semaforo, ma il più delle volte si tratta di cecità psicologica; nel senso che il conducente vede bene, ma in determinati momenti non vede lo stimolo, ma anzi si rappresenta una realtà diversa da quella che Š presente.
        Appare strano ma questo tipo di incidenti Š abbastanza comune. In pratica si tratta del fatto che il guidatore non si accorge del semaforo rosso. Non lo vede: eppure ci vede benissimo.
    Altro esempio: un guidatore girando a destra travolge un ciclista che ha appena superato. Non l'ha visto, eppure poco prima l'ha sorpassato.

        Ci troviamo in presenza di un alterazione dell'attenzione. Le informazioni ci provengono dall'esterno ma non le percepiamo per quelle che sono; le confondiamo con la totalità degli stimoli che ci circondano.
        Si tratta di un disturbo dell'attenzione.
    Diverse sono le cause che possono modificare questa capacità cognitiva:
        - stanchezza
        - ripetitività del percorso
        - rappresentazione di uno scenario desiderato al posto della presenza nel campo
          percettiva di uno stimolo
        - alcool
        - sonnolenza
        - alterazione di capacità percettive.

        Non sempre queste cause possono essere rilevate da un semplice esame visivo od acustico, il più delle volte ad esami semplici non ci si accorge delle difficoltà che possono insorgere invece in situazioni di stress.

        Alcune cause sono generate da assunzioni di sostanze che modificano le alterazioni cognitive quali: l'alcool, alcuni tipi di medicine, sostanze stupefacenti, ecc.....
        Altri sono causate da problemi psicologici: depressioni, stati emotivi alterati.
        Altri da stati di stress fisici: mancanza di sonno, stanchezza dovuta da lavori monotoni e ripetitivi.
        Altre da cause contingenti quali: discussioni violente, telefonate con il cellulare, senza viva voce, musica a volume eccessivo, ecc.....

    Riconoscimento dello stimolo.
        Vale quanto detto per la percezione dello stimolo; anche per il riconoscimento valgono le stese considerazioni.
        Per il riconoscimento occorre recuperare nella memoria il ricordo, riconoscerlo e confrontarlo con lo stimolo presente.

    Elaborazione della risposta ed attività decisionale.
        Le funzioni cognitive di elaborazione della risposta e l'attività decisionale sono molto complesse, la mancata od errata risposta può causare gli incidenti. La non risposta in condizione critiche può essere fatale.
        Alcuni istruttori consigliano di dare delle risposte perchè è molto pi- pericolosa ed a rischio una guida indecisa che una guida azzardata.
        Le motivazioni che possono alterare la capacità di elaborazione e di decisione sono state esposte sopra.
        Ci può essere una confusione mentale determinata da situazioni di stress emotivo; preoccupati per il lavoro, per la salute dei figli, per il rapporto di coppia, per qualsiasi situazione conflittuale nel nostro universo emotivo.

    Attuazione di azione motoria.
        Accade sovente che tutti i processi sopra descritti funzionino alla perfezione: si percepisce e si riconosce lo stimolo, si elabora la risposta congruente, ma non si attua l'azione motoria adeguata. Al posto di emettere l'azione motoria si rimane bloccati e si vede l'ostacolo venire innanzi senza fare niente.

        Tipico caso dell'autista che va contro un albero. Lo percepisce, lo riconosce, elabora la risposta, ma non attua l'azione motoria congruente come frenare o sterzare. Si rimane come bloccati.
        Eppure l'informazione Š trattata correttamente, e l'acquisizione visiva è eccellente.
        Si tratta di alterazioni dovute a stati emotivi che impedisco l'azione motoria.
        Si può trattare di attivazioni in particolare situazioni di rappresentazioni che hanno una grande valenza emotiva; come avere subito un incidente, oppure un fatto drammatico a cui abbiamo assistito.
    L'emozione è così forte da impedire un'azione motoria
    Anzi se ne attivano altri il cui significato è diverso: come abbracciare il volante in senso di protezione; oppure davanti all'ostacolo ci si copre il volto per non vedere.

    Considerazione circa la sofferenza emotiva.
      
    Quello che non si è verbalizzato nei corsi di sicurezza viaria è il carico emotivo che inevitabilmente produce sofferenze nei casi di incidente stradale.
        Non solo chi è coinvolto direttamente negli incidenti ma i parenti stretti e tutti quelli che hanno un rapporto emotivo con chi nell'incidente è ferito o morto.
        Questi carichi emotivi non vengono presi in considerazione anche perchè essendo soggettivi non possono essere esternati, ma possono veicolare comportamenti pericolosi per se e per gli altri.

        Se uno soffre fisicamente ad esempio per una gamba rotta può attirare su di s‚ la comprensione, e può essere aiutato; ma se uno ha causato un incidente nel quale sono anche morte delle persone il carico emotivo è immenso; potrà anche ricercare un incidente nel quale sia vittima per poter finalmente sdebitarsi.

        Un caso riportato dal giornale "Corriere della Sera" del 13 settembre 1994 narra dell'incidente nel quale è morto un ragazzo di 20 anni perdendo il controllo dell'autovettura.
        L'articolista continua raccontando che 2 anni lo stesso ragazzo era stato coinvolto in un incidete stradale nel quale era morto un suo amico che viaggiava con lui sul sedile posteriore della moto.
        All'inizio dell'anno è stato coinvolto in un incidente nel quale una ragazzina è rimasta gravemente ferita, tanto da non poter più camminare e deve utilizzare una carrozzella.
    Alla fine dell'anno l'incidente fatale per lui.

        Nessuno ci dirà mai cosa è accaduto realmente, quale sia la cause del suo incidente; ma possiamo pensare che in una situazione limite il carico emotivo era così forte da interferire pesantemente sulle sue funzioni cognitive.


    Trova la tua Autoscuola per il "Patentino"